In ricordo del prof. Succi, Presidente Ist. storico della Resistenza di Rimini

 

Il 12 febbraio scorso è scomparso il prof. Francesco Saverio Succi, Presidente dell’Istituto storico della Resistenza e dell’Italia contemporanea della provincia di Rimini, con cui l’Associazione Piemonte Grecia aveva collaborato strettamente in occasione della seconda esposizione della Mostra su Nikos Beloyannis, organizzata a Rimini a Settembre 2019.

 

La Mostra, svolta in occasione del 75° anniversario della Liberazione della Città dall’occupazione nazifascista, era organizzata a cura di ACLI Rimini, ANPI Rimini e Istituto storico della Resistenza della provincia di Rimini, con il patrocinio della Città.

Il prof. Succi, che era uno stimato insegnante di Storia e Filosofia al Liceo Einstein, aveva contribuito personalmente all’allestimento ed aveva partecipato all’inaugurazione ed alle attività correlate.

Per saperne di più, un suo ricordo è presente sul sito dell’Istituto Storico della Resistenza di Rimini.

Nuovi arrivi in Biblioteca

Nella prima metà dell’anno la Biblioteca dell’Associazione ha lavorato un po’ in sordina, come tutte le attività o iniziative che non si sono potute svolgere online. Il nostro catalogo comunque un po’ si è arricchito con:

Profili della Grecia moderna. Racconti premiati 2010-2018, a cura di Maria Caracausi, Palermo University Presso, collana NIATA MAIORA 1, Palermo 2020, ISBN 978-88-5509-194-7.

Ogni anno il Ministero della Cultura di Grecia attribuisce dei premi per la letteratura (prosa e poesia). Quest’anno si è deciso di realizzare due antologie (prosa e poesia) con opere premiate negli anni 2010-2018, con l’intento di farle tradurre e circolare in Europa e nel mondo. I 14 racconti compresi in questo volume – opera di autori molto diversi tra loro per età, formazione e personalità – hanno in comune l’essere scaturiti da quella situazione di crisi che ha caratterizzato l’Europa nel secondo decennio del terzo millennio. (Caracausi)

Il volume contiene anche una breve introduzione di Lina Mendoni, Ministro della Cultura e dello Sport della Repubblica Greca, un saluto di Nikolas Giatromanolakis, Segretario generale della Cultura Contemporanea ed una prefazione di Sissy Papathanasiou, Direttrice delle Lettere del Ministero della Cultura e dello Sport.

Ci fa piacere dare qui notizia che Maria Caracausi, grande amica dell’Associazione Piemonte Grecia, sia stata insignita del Premio Jean Moréas 2020, per la promozione delle lettere greche: Βραβείο για την ανάδειξη των Ελληνικών Γραμμάτων.

 

Nell’anniversario della scomparsa di Costanzo Preve

Foto di Alessandro Monchietto, scattata durante una presentazione ai Comunardi

Il 23 novembre ricorre l’anniversario della scomparsa di Costanzo Preve, filosofo, saggista e insegnante, considerato uno dei più importanti pensatori europei anticapitalisti e un rinomato esperto di storia del marxismo. Il suo pensiero si basa sulla filosofia della tradizione greca antica e idealistica sotto l’influenza di Fichte, Hegel e Marx. 

Costanzo Preve è stato un grande amico dell’Associazione Piemonte Grecia, la quale vuole rendere omaggio al suo ricordo con l’apertura di alcune pagine dedicate al suo ricordo ed alla descrizione di un’iniziativa attuata direttamente con lui, sulla poesia greca contemporanea, insieme ad altre iniziative seminariali impostate sul cammino da lui proposto.

La fotografia qui a fianco è stata fatta da Alessandro Monchietto, curatore del Seminario di Filosofia dell’Associazione, durante una presentazione alla Libreria Comunardi a Torino.

17 novembre: 47 anni dalla rivolta del Politecnico

Oggi ricorre il 47° anniversario della rivolta del Politecnico di Atene contro la dittatura dei colonnelli, che fu il primo di una serie di eventi politici e di mobilitazione che alla fine hanno portato alla caduta della Giunta militare.

L’evento iniziò il 14 novembre 1973, quando gli studenti decisero di entrare in sciopero, rivendicando più libertà. Gli studenti si fortificarono nella sede emblematica di Patisìon e lì allestirono una stazione radio per far ascoltare le loro richieste al di fuori delle mura. Avendo il know-how dei loro studi, gli studenti impiegarono solo poche ore a costruire il trasmettitore della radio nei laboratori della Scuola di Ingegneria Elettrica e Meccanica.

Qui Politecnico, qui Politecnico!” sono state le prime parole udite dalla stazione radio e poi: “Popolo greco, il Politecnico è il portabandiera della nostra lotta, della vostra lotta, della nostra lotta comune contro la dittatura e per la democrazia”.

Seguirono due giorni di scontri, quando i soldati della giunta tentarono far irruzione, ma furono fermati. La lotta studentesca colpì il cuore della stragrande maggioranza dei cittadini, che sintonizzarono i loro ricevitori radio sulla frequenza di trasmissione della stazione studentesca. Una gran folla si radunò la sera del 16 novembre intorno al Politecnico occupato. Però, nelle prime ore del 17 novembre, invece di negoziare l’uscita sicura degli studenti dal Politecnico, la Giunta decise che l’esercito sarebbe intervenuto assaltando e demolendo il cancello principale con uno dei tre carri armati allineati sulla strada.

Un gruppo di forze speciali armate si sarebbe quindi incaricato di portare via gli studenti dal cancello di via Stournari. Mentre se ne andavano, gli studenti e i manifestanti che erano accorsi intorno al Politecnico hanno dovuto affrontare la violenza della polizia, tra cecchini che aprivano il fuoco dai tetti vicini e agenti del KYP che inseguivano gli insorti. Gli incidenti sarebbero continuati per ore. Alla fine si contarono 24 morti, tra i manifestanti.

Ogni 17 novembre in Grecia è vacanza per tutte le scuole e le università e si ricorda quella notte di sangue con grandi manifestazioni ad Atene.

Per saperne di più:

il POST fornisce una breve rievocazione e 10 immagini dell’evento.

il sito di PuntoGrecia ne ha parlato qui

il sito Me.Dia.Re. ne ha parlato qui

Quando la Grecia difese l’Europa libera

Il 28 ottobre 1940 Mussolini invadeva la Grecia, ma fu una débâcle che mostrò le basi di argilla del regime fascista: oltre lo Ionio, grazie ai resistenti ellenici, la data divenne l’Anniversario del No, oggi festa nazionale, come in Italia il 25 aprile.

Il 18 novembre 1940, il Duce Benito Mussolini, in un discorso tenuto a Piazza Venezia alla presenza di tutti i gerarchi provinciali del Partito Nazionale Fascista convocati per il Gran Rapporto, trasmesso anche dalla radio italiana, sulla disastrosa situazione della campagna italiana di Grecia pronunciò, anzi urlò le seguenti parole: “Affermai cinque anni fa: spezzeremo le reni al Negus. Ora, con la stessa certezza assoluta, ripeto assoluta, vi dico che spezzeremo le reni alla Grecia in due o dodici mesi poco importa, la guerra è appena cominciata!”.

 

La risposta del popolo greco e dell’Esercito nazionale fu particolarmente sentita e forte. L’invasione italiana fu respinta fino in Albania. Ma l’ingresso in campo della Germania nel 1941 cambiò le cose.

Qui si può trovare un breve approfondimento storico.

La Cartina è ricavata dalla Rivista Patria Indipendente, quindicinale dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia.

E’ morto Nikos Beloyannis, figlio dell’Uomo con il Garofano.

Nikos Beloyannis, ingegnere chimico e militante della sinistra, è morto all’Ospedale popolare ad Atene, dopo 10 giorni di ricovero.

Era figlio di Elli Pappas, giornalista e scrittrice, e del leggendario leader comunista, Nikos Beloyannis, l’Uomo con il Garofano, la cui fucilazione nel 1952 a Goudi, insieme ai suoi compagni di lotta, aveva provocato un’ondata di proteste in tutto il mondo e l’omaggio di personaggi come De Gaulle, Churchill ed il Papa, oltre che di artisti cone Picasso.

Alla storia dell’Uomo con il Garofano l’Associazione Piemonte Grecia ha dedicato una mostra fotografica fatta a Torino nell’Ottobre 2018 e replicata a Rimini nel Settembre 2019.

Nikos Beloyannis, che portava il nome di suo padre, era nato in prigione nel 1951.

Un anno dopo suo padre fu giustiziato. La madre Elli Pappas fu scarcerata nel 1964. Lui era cresciuto con la zia, sorella della madre, Dido Sotiriou, importante giornalista, romanziera e drammaturga.

 

(notizia e foto tratte da https://tvxs.gr/news/ellada/efyge-o-nikos-mpelogiannis-gios-toy-anthropoy-me-garyfallo)

CORSO (online) di GRECO moderno con tecniche teatrali

In modalità completamente ONLINE
dalla fine di Novembre 2020 e fino a Maggio 2021
l’Associazione organizza un CORSO di GRECO moderno
attraverso TECNICHE TEATRALI 

OBIETTIVI del corso

  • Proporre la lingua come strumento di comunicazione e non solo come oggetto di studio.
  • Contestualizzare l’uso della lingua straniera nelle diverse situazioni della vita reale.
  • Promuovere un ruolo attivo degli allievi nel processo di apprendimento.
  • Abbassare il filtro affettivo e ridurre l’ansia da performance.

 

METODOLOGIA
Basato su un metodo di insegnamento che utilizza tecniche del laboratorio teatrale, il corso promuove l’apprendimento della lingua in un contesto virtuale ludico e interattivo (dialogo/ role-playing/ improvvisazione/ testo teatrale/ giochi di gruppo etc.).

Le lezioni si svolgeranno tutte online con l’utilizzo della piattaforma ZOOM (disponibile online gratuitamente sia per PC Windows che per i Mac della Apple)

DOCENTE: Katerina Nastopoulou, di madrelingua greca, laureata in Filologia greca presso l’Università di Patrasso e diplomata presso la Scuola Superiore di Arte Drammatica Tempi Moderni (Atene). Ha svolto laboratori linguistici con l’utilizzo di tecniche teatrali per l’insegnamento della lingua greca e inglese in Sardegna e a Torino.

Corso base
Rivolto a chi vuole avvicinarsi per la prima volta alla lingua, con l’insegnamento degli elementi di base (fonetici, grammaticali, vocabolario, frasi semplici etc.) attraverso una tecnica interattiva e giocosa.
Il corso di svolge il mercoledì  dalle 18.00 alle 19.30 dal 25 novembre 2020 a maggio 2021

Corso avanzato
Rivolto a chi ha già una discreta conoscenza della lingua e vuole fare pratica.
Il corso di svolge il lunedì  dalle 18.00 alle 19.30 dal 30 novembre 2020 al 7 giugno 2021

Scadenza iscrizioni: 20 novembre 2020
Per info e iscrizioni: info@piemonte-grecia.org  oppure per telefono: 011487719 o cell: 3382974028

Iniziativa sospesa: Musica tradizionale al Centro Interculturale

INIZIATIVA SOSPESA

PER IL BLOCCO DELLE ATTIVITA’ DECRETATO
DAL DPCM 3/11/2020

ALLA SCOPERTA DELLA MUSICA TRADIZIONALE GRECA

a cura dell’ Associazione PIEMONTE-GRECIA “Santorre di Santarosa”
in collaborazione col CENTRO INTERCULTURALE della Città di Torino

Sabato 28 NOVEMBRE 2020 – h.9:00/16:00

c/o la sede del Centro Interculturale, c.so Taranto 160 – Torino

Per maggiori informazioni, vedere il dettaglio dell’evento cliccando qui.

Per info e iscrizioni:
via e-mail: info@piemonte-grecia.org oppure telefonando al 3382974028

13 anni di carcere per i leader di Alba Dorata

Mercoledì 14 ottobre sei leader del partito neonazista greco Alba Dorata, fra cui il fondatore Nikolaos Michaloliakos, sono stati condannati a 13 anni di carcere dal tribunale di Atene che la scorsa settimana aveva stabilito che il partito aveva agito come un’organizzazione criminale.

Altri ex parlamentari del partito sono stati condannati a pene dai cinque ai sette anni, sempre per aver fatto parte di un gruppo considerato criminale.

Maggiori informazioni su Ekathimerini.com (in inglese) e su il Post (in italiano).